FASE 2 – INCENTIVI PER LE MISURE DI PROTEZIONE

Studio Buscema e Associati - Catanzaro - News - FASE 2 – INCENTIVI PER LE MISURE DI PROTEZIONE

L’emergenza epidemiologica di virus COVID-19 ha imposto la necessità di adottare misure idonee a garantire la sicurezza dei clienti, dei lavoratori e di tutti i soggetti che ad ogni modo praticano i luoghi di lavoro.

Tra le misure da adottare assumono particolare importanza anche i dispositivi di protezione individuali e le spese di sanificazione dei locali.

Il legislatore ha introdotto due misure finalizzate a consentire il recupero di parte delle spese sostenute.

Vediamo di che si tratta.

IMPRESA SICURA
Invitalia ha pubblicato un nuovo bando per il rimborso delle spese sostenute per l’acquisto di dispositivi di protezione individuali, nel limite di 500 euro per ogni addetto.

Il bando attua quanto previsto dall’articolo 43 del D.L. n. 18/2020 – Decreto Cura Italia e prevede il rimborsodegli acquisti effettuati dal 17 marzo 2020 dei seguenti dispositivi:

  • Mascherine filtranti, chirurgiche, FFP1, FFP2 e FFP3;
  • Guanti in lattice, in vinile e in nitrile;
  • Dispositivi di protezione oculare;
  • Indumenti di protezione quali tute e/o camici;
  • Calzari e/o soprascarpe;
  • Cuffie e/o copricapi;
  • Dispositivi per la rilevazione della temperatura corporea;
  • Detergenti e soluzioni disinfettanti/antisettici.

Possono partecipare tutte le attività economiche ad eccezione di quelle inattive o che si trovano in stato di liquidazione o altra procedura concorsuale.

La richiesta del rimborso avverrà i 3 fasi:

  1. Prenotazione del rimborso che dovrà essere effettuata online a partire dall’11 e fino al 18 maggio;
  2. Successivamente Invitalia pubblicherà l’elenco delle imprese ammesse alla prenotazione del rimborso per ordine di inoltro della domanda;
  3. Infine, le imprese rientrati nell’elenco di prenotazione del rimborso, potranno presentare domanda di richiesta del rimborso a partire dal 26 maggio 2020, ed entro giugno avverrà l’erogazione del contributo.

CREDITO DI IMPOSTA SANIFICAZIONE E DPI
L’articolo 64 del D.L. n. 18/2020 – Decreto Cura Italia, ha introdotto il credito di imposta per le spese di sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro sostenute e documentate nel 2020 nel limite del 50% e per non più di 20.000 euro.

L’articolo 30 del D.L. n.23/2020 – Decreto Liquidità, ha esteso il credito di imposta anche all’acquisto di dispositivi di protezione nei luoghi di lavoro, quali:

  • Mascherine chirurgiche, FFP2, FFP3;
  • Guanti;
  • Visiere di protezione e occhiali protettivi;
  • Tute di protezione;
  • Calzari;
  • Barriere e pannelli protettivi;
  • Gel sanificanti;
  • Detergenti;
  • Disinfettanti.

Qualora fosse necessaria assistenza di studio,vi invitiamo a contattare lo Studio.

Invitiamo i clienti ad affidare gli aggiornamenti alla nostra pagina facebook, al sito internet www.studiobuscema.it ed alle nostre newsletter.

Studio Buscema e Associati.