Decreto Ristori bis, ecco le principali novità

Studio Buscema e Associati - Catanzaro - News - Decreto Ristori bis, ecco le principali novità

E’ stato pubblicato nella G.U. del 9 novembre 2020, il D.L. n. 149/2020 – cd. Decreto Ristori bis qui il testo https://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2020-11-09&atto.codiceRedazionale=20G00170&elenco30giorni=false.

Di seguito le principali novità.

Il provvedimento amplia il campo di applicazione del contributo a fondo perduto già previsto dal D.L. n. 137/2020 – c.d. Decreto Ristori.

In particolare, viene ora riconosciuto un contributo a fondo perduto:

  • per nuove categorie di beneficiari (preparazione di cibi da asporto, internet point ecc..);
  • viene aumentato l’importo del 50% ai soggetti già individuati dal precedente decreto (gelaterie, ristoranti, pasticcerie ecc.) di cui all’allegato 1 e a tutti gli operatori di cui all’allegato 2 (commercio al dettaglio);
  • viene riconosciuto per l’anno 2021 anche agli operatori con sede operativa nei centri commerciali e a quelli delle produzioni industriali del comparto alimentare e delle bevande.

E’ stato previsto un nuovo credito d’imposta per canoni di locazione ad uso non abitativo e affitto d’azienda per gli operatori interessati alle misure restrittive del DPCM 3 novembre 2020.

La misura del bonus riguarda i soggetti che svolgono le attività nei settori riportati nell’Allegato 2 del decreto e alle imprese che svolgono le attività di cui ai codici ATECO 79.1, 79.11 e 79.12.

Il credito d’imposta spetta per i mesi di ottobre novembre e dicembre nella misura del 60% per i canoni locazione ad uso non abitativo e nella misura del 30% relativi agli affitti d’azienda.

Ampliata la cancellazione della seconda rata IMU alle attività riferite ai codici Ateco riportati nell’Allegato 2 a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate.

Viene estensa la proroga al 30 aprile 2021 del secondo acconto per i soggetti che applicano gli indici di sintetici di affidabilità fiscale operanti nei settori economici individuati negli Allegati 1 e 2 del presente decreto.

Sono sospesi i versamenti tributari inerenti alle ritenute alla fonte e all’IVA che scadono nel mese di novembre, per i soggetti che svolgono:

  1. attività economiche sospese ai sensi dell’art. 1 del DPCM del 3 novembre 2020 sull’intero territorio nazionale (palestre, piscine, centri termali, sale giochi, sale scommesse, sale bingo teatri, concerti cinema, discoteche ecc);
  2. attività dei servizi di ristorazione che operano nei territori caratterizzati da un livello di contagio alto (art. 2 e 3 DPCM 3 novembre 2020);
  3. soggetti che operano nei settori economici di cui all’Allegato 2.

Si è intervenuti anche sulla sospensione dei contributi previdenziali (INPS), escluso l’INAIL, da pagare per i mesi di novembre e dicembre.
I beneficiari della moratoria sono quelli indicati nell’Allegato 1 e 2 del Decreto 149

(allegato 1 https://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaArticolo?art.versione=1&art.idGruppo=5&art.flagTipoArticolo=1&art.codiceRedazionale=20G00170&art.idArticolo=1&art.idSottoArticolo=1&art.idSottoArticolo1=10&art.dataPubblicazioneGazzetta=2020-11-09&art.progressivo=0#art

allegato 2 https://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaArticolo?art.versione=1&art.idGruppo=5&art.flagTipoArticolo=2&art.codiceRedazionale=20G00170&art.idArticolo=1&art.idSottoArticolo=1&art.idSottoArticolo1=10&art.dataPubblicazioneGazzetta=2020-11-09&art.progressivo=0#art ).

Gli importi sospesi dovranno essere pagati entro il 16 marzo 2021 in unica soluzione o fino a un massimo di quattro rate mensili decorrenti da tale data.

 

Studio Buscema e Associati