Reddito di cittadinanza: possono essere richieste le agevolazioni alle assunzioni

Studio Buscema e Associati - Catanzaro - News - Reddito di cittadinanza: possono essere richieste le agevolazioni alle assunzioni

Si sbloccano le agevolazioni previste per chi assume lavoratori che fruiscono del reddito di cittadinanza.

L’INPS ha infatti diffuso il messaggio n. 4099 dell’8 novembre 2019  che completa le procedure necessarie per richiedere gli incentivi.

L’agevolazione consiste in una riduzione dei contributi previdenziali e assistenziali dovuti dal datore di lavoro e dal lavoratore, esclusi i premi Inail, calcolati in relazione al valore del reddito di cittadinanza percepito dal soggetto che si intende assumere all’atto dell’assunzione, comunque entro il limite massimo di € 780 mensili.

La durata dell’incentivo varia in relazione al periodo di godimento del Rdc già percepito dal lavoratore assunto.

Più specificamente, la durata dell’agevolazione è pari alla differenza tra 18 mensilità e le mensilità già fruite dal beneficiario del Rdc fino alla data di assunzione, con un minimo di cinque mensilità.

Si applica il regime UE De Miminis.

L’incentivo spetta esclusivamente se il lavoratore viene assunto contratto di lavoro a tempo pieno e indeterminato.

Inoltre, il lavoratore non deve essere licenziato nei trentasei mesi successivi all’assunzione salvo che per giusta causa o giusticato motivo.

In caso contrario, le agevolazioni fruite dovranno essere restituite maggiorate delle sanzioni civili.

Come ogni beneficio alle assunzioni, il diritto alla fruizione dello stesso è subordinato alle condizioni generali in materia di incentivi.

Tra di esse segnaliamo:

  • Essere in regola con il versamento dei contributi e di quanto previsto per il rilascio del DURC;
  • Rispetto delle norme in materia di lavoro e di sicurezza del lavoro;
  • Rispetto dei contratti collettivi stipulati dalle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative;
  • Essere in regola con la disciplina in materia di disabili (datori di lavoro con almeno 15 dipendenti);

La procedura per accedere all’incentivo prevede che le aziende comunichino la disponibilità dei posti disponibili attraverso la piattaforma MyAnpal.

Come si può notare l’accesso all’agevolazione è piuttosto articolata e le valutazioni dei singoli casi dovranno essere adeguatamente approfonditi.